I CRESPINESI RACCONTANO CRESPINO

itCrespino

ARTE MEMORIA

Il mulino del Po, un romanzo legato alla storia del grande fiume

il mulino del Po - Molino in zona paludosa

Il mulino del Po è un romanzo di Riccardo Bacchelli, legato a un territorio intessuto di una storia antica e fatta di lavoro e fatica. Il film in bianco e nero del 1949, diretto da Alberto Lattuada è rimasto quindi come testimonianza di una terra di sacrificio e fede. Fame, lavoro che manca, i primi scioperi e la disperazione di gente che non aveva diritti riconosciuti, fanno da sfondo al romanzo.

il mulino del po - Il Mulino Del Po Film
fonte foto – wikipedia – pubblico dominio

Il grande fiume, che scorre recando vicende umane e storie, silenzioso e pacato, cela tuttavia un cuore in tumulto, fatto di sentimenti. Gocce di emozioni sopravvivono e compongono quella forza inarrestabile che è nella natura, sotto forma di acqua talvolta amica, e a volte temuta.

Il mulino del Po

Siamo pressappoco nel Delta ferrarese alla fine dell’800, ma sulle rive del fiume che trasporta avventure, tutto è mobile. Nel romanzo, l’austerità e il lavoro quotidiano di due famiglie locali, Scacerni e Verginesi, vengono interrotte in un giorno di gioia. Tutta la vita e l’economia ruotava attorno ai mulini.

il mulino del Po - Mulino Con Fiori sulla veranda
mulino a ruota

Quel giorno i festeggiamenti del fidanzamento dei rispettivi figli, Berta e Orbino s’interrompono. Giungono i finanzieri, per verificare che i Scacerni non abbiano di nuovo manomesso i contatori del loro mulino. Duro era pagare la salata tassa sul macinato. Al riguardo, per irregolarità, si rischiava l’arresto, addirittura la confisca e il fermo dei lavori. Anche la famiglia Orbino aveva i suoi patimenti, poiché il Clapassòn, nuovo proprietario delle terre in cui i Verginesi lavorano da generazioni, era durissimo. Egli imponeva un sistema di agricoltura intensivo, minacciando di cacciarli, se non avessero eseguito le sue direttive.

Alberto Lattuada e il mulino del Po

I contadini avevano bisogno di alzare la testa, e la nascita della Lega dei contadini con l’ideologia socialista, era l’unica speranza. Tante erano le ingiustizie che subivano i contadini, ma i tempi e le condizioni arretrate e i giochi di potere, rallentavano l’evoluzione delle condizioni di vita. Gli eventi precipitano ulteriormente quando, durante un’ispezione notturna della finanza, i Scacerni stanno per essere sorpresi con il contagiri manomesso.

il mulino del Po - Lattuada alla consegna di un premio
il regista Lattuada con Vittorio Gasmann e Giovanna Ralli – fonte foto – Wikipedia – pubblico dominio

La disperazione era tanta, poiché se si fermava il mulino, era la fame. Con un colpo di mano, Princivalle dà fuoco all’intero mulino così come ordinato dalla madre. Ciò non evita tuttavia l’arresto del giovane e il dissesto finanziario. La povera Berta amareggiata si vede costretta ad andare a servizio presso i genitori di Orbino e a rimandare le nozze. Lo strappo tra le famiglie dei due fidanzati, i quali tuttavia continuano ad amarsi, si consuma del tutto dopo la prima riunione della lega.

I primi scioperi dei lavoratori

Tutto precipita infine, con lo sciopero generale dei braccianti e con esso il più ferreo boicottaggio verso i “crumiri”, come i Scacerni. Il blocco totale della produzione e la morte di molti capi di bestiame, induce il padrone a chiedere l’intervento dei soldati. Si scatena così una drammatica rivolta popolare, e durante la sommossa, la gente si accanisce contro Berta. La sventurata è insultata perché considerata crumira. Vista la sorella in lacrime, Princivalle corre in paese per farsi giustizia. Tuttavia, il destino è in agguato, infatti, indotto da una calunnia a credere che proprio Orbino abbia disonorato Berta, lo uccide. Il corpo è poi gettato nel fiume dal calunniatore. Princivalle, pentito, va con la madre e la sorella in riva al fiume ad attendere il corpo. Dunque, ancora una volta il fiume che dà la vita, così la riprende in un moto perpetuo.

Il mulino del Po, un romanzo legato alla storia del grande fiume ultima modifica: 2020-02-18T09:00:29+01:00 da simona aiuti
To Top