Oratorio di Santa Lucia nel Polesine, la fede nei secoli - itCrespino

itCrespino

CHIESE EDIFICI STORICI

Oratorio di Santa Lucia nel Polesine, la fede nei secoli

Oratorio di Santa Lucia - Complesso Con Sagrestia annessa

Oratorio di Santa Lucia nel Polesine. Terra di grande fede e devozione popolare, questa e anche Santa Lucia, ha molti fedeli da tempo immemorabile. Da centinaia di anni la santa siciliana si venera anche in Polesine. Facciamo una passeggiata e arriviamo a visitare questo antico tempio cattolico.

Oratorio di Santa Lucia

Prendiamo ad esempio la chiesetta, piccola e graziosa che vedete in foto. Dovrebbe risalire al 1600 circa, ed è sita cove c’è un trivio; pressappoco all’ingresso del paese. Si tratta della cappellina dell’Oratorio di Santa Lucia Vergine Martire (Cavazzana, Lusia). La chiesetta è citata nella visita pastorale del vescovo Speroni degli Alvarotti del 1790; come giuspatronato della famiglia Conti di Lendinara.

Oratorio di Santa Lucia - Chiesa Di Santa Lucia in facciata e gli interni

Tuttavia è di molto precedente. Successivamente c’è stato, tra il 1816 e il 1862, un passaggio di proprietà dell’intero bene. Proprio nel 1816 la chiesetta diventa proprietà della famiglia Falconetti, sempre di Lendinara. Dal 1843 al 1862, la proprietà spetta alla famiglia Falconetti Baccaglini e, precisamente nel 1862; risulta essere della contessa Sabina Conti ved. Baccaglini. L’oratorio è ora della Parrocchia di S. Lorenzo e vi si celebrano gremite funzioni liturgiche specie nel mese di maggio e nella ricorrenza di S. Lucia.

Parrocchia di San Lorenzo

Orbene, l’Oratorio di Santa Lucia Vergine e Martire; come dicevamo sorge in Cavazzana con orientamento Nord-Sud, lungo la strada Comunale. La facciata si presenta molto semplice, e presenta un frontone triangolare con cornici modanate. Al centro poi si apre l’unico portale rettangolare, sormontato da un bel finestrone a lunetta con vetrata policroma da cui il tempio prende luce.

Oratorio di Santa Lucia - Cappella in una foto antica

Sulla destra del frontone invece, si erge un campanile a vela. Nei fronti laterali si aprono altri due finestroni rettangolari che rendono la cappellina molto luminosa. Infine sul retro del presbiterio si addossa il basso volume della relativa sagrestia. Lo schema planimetrico del tempio è ad aula, e coperta da soffitto piano. Al di sotto di esso corre una bella cornice modanata. Il presbiterio si apre verso la navata con un arco a tutto sesto su lesene doriche.

Sabina Conti ved. Baccaglini

Esso si presenta a pianta rettangolare, rialzato di un gradino, sul piano della navata; coperto da soffitto piano. Ai lati dell’altare si aprono gli stretti accessi simmetrici a tutto sesto che introducono alla sagrestia. Come dicevamo, la cappellina è di modeste dimensioni, infatti, misura m. 4,30 per 7 per 6. Inoltre ricordiamo che nel 1823 vi era un uso locale, ovvero: “davanti a questo Oratorio si riunivano tutti i bambini e le bambine della Dottrina Cristiana, e processionalmente, coi loro maestri, si portavano alla parrocchiale per la lezione›”. Nel 1843 la proprietà spetta a Falconetti-Baccaglini. Nel 1862 figura proprietaria la contessa Sabina Conti ved. Baccaglini. La modesta chiesetta, col suo campaniletto a cavaliere (due campanine), è custodita e curata dalle donne ivi abitanti; ne sono a ragione gelose e la tengono bene; è officiata a richiesta. Il pavimento è in mattonelle di marmo rosso e bianco poste a scacchiera.

Oratorio di Santa Lucia nel Polesine, la fede nei secoli ultima modifica: 2021-12-13T11:00:11+01:00 da simona aiuti

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Promuovi la tua azienda in Italia e nel Mondo
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x