NATURA NEL MONDO

L’ora di reagire!!!

Sciopero degli studenti

 Il mondo è per natura un ordigno innescato, che lentamente si avvicina alla fine ma nell’ultimo secolo, noi tutti, abbiamo anche in minima parte contribuito all’accelerazione quasi irreversibile del countdown finale. Oggi più che mai, con una sempre maggiore consapevolezza della realtà, mi sento in dovere di essere parte del cambiamento. Un’inversione di marcia o meglio di mentalità ci deve ricondurre alla simbiosi con la natura perché è parte di noi.
Possediamo un patrimonio naturalistico di inestimabile bellezza ed utilità. In un territorio come quello polesano non si può essere indifferenti ai continui segnali d’allarme della natura.

Non siamo qui per caso

Ogni individuo, nel momento della creazione, prima di entrare in contatto con il mondo, affronta una grandissima selezione naturale. Solo una cellula su milioni riesce a raggiungere il suo obiettivo e così iniziare un percorso di vita.
Questa irrefrenabile voglia e lotta per raggiungere la vita è l’esempio primordiale che la Madre Terra ci offre per comprendere che l’uomo ancora estraneo ai condizionamenti sociali, ha voglia di vivere.
Con questa prefazione, sottolineo l’importanza che ognuno di noi ha su questa Terra. È stato scelto per migliorarla!
Nei primi nove mesi abbiamo affrontato quella che si può considerare la sfida più grande della vita. Ognuno di noi è quindi un “disegno”, indispensabile ed unico e per questo non può essere indifferente a ciò che lo circonda.

Credo che sia importante trovare degli accordi a livello mondiale per ridurre l’inquinamento e lo spreco ma questo non basta!

Questi accordi devono essere la confermazione di un progetto che sia già parte di noi. Il cambiamento deve partire dalle persone, dai piccoli gesti, dall’esempio che diamo e allora, forse, ci sarà la speranza per un futuro. Vedo nelle persone una sempre maggiore consapevolezza della situazione del pianeta ma ancora in molti, condizionati dal prioritario “valore“ del denaro negano ai loro e ai nostri figli, nipoti e amici la possibilità di un impegno unanime verso un futuro che dia speranza.

Possiamo essere gli influencer del cambiamento?

Essere gli influencer per un mondo simbiotico con la natura è forse la cosa più semplice che esista.
Basterebbe investire in macchine ibride o elettriche, cambiare costantemente i filtri alle caldaie, alle fabbriche e ai depuratori.
Basterebbe spegnere la macchina quando si effettua una fermata o favorire l’uso della bicicletta per i piccoli tragitti.
Potremmo tutti dare l’esempio perché il nostro Polesine, gli argini e le strade non siano sfregiati da sacchi di immondizia o rifiuti speciali, abbandonati. Propongo nel nostro piccolo di munirci di sacchi e guanti quando passeggiamo per poter così contribuire al decoro urbano e al rispetto per la natura.

L'abbandono dei rifiuti

La decadenza dei valori nel terzo millennio (foto di Arianna Beltrame)

Facilissimo sarebbe sfruttare gli incentivi per l’efficientamento energetico, l’uso di luci ad energia solare per l’illuminazione dei giardini, evitare di sprecare acqua quando ci si lava ma soprattutto dovremmo  fare attenzione alla raccolta differenziata.

Il denaro nel cestino

Qualche giorno fa ho sentito una frase che mi ha fatto riflettere circa le possibilità che ci facciamo sfuggire.

“Buttare un pezzo di carta pulito nel bidone del secco è come buttare una banconota nell’umido“

Questo perché grazie agli incentivi ad oggi stanziati, dai rifiuti portati nelle fabbriche di riciclaggio, le aziende di raccolta ricevono soldi che fanno diminuire le tasse ai cittadini.

Con questa riflessione vorrei donare speranza a tutti in quanto se in noi non vi è il sentimento di amore e rispetto per la natura, quindi di conseguenza il rispetto per noi stessi, possiamo comunque essere un esempio positivo adottando alcune semplici attenzioni che tra l’altro ci permettono introiti economici.

L’indifferenza non può salvarci

A conclusione di tutto spero che la gente possa anche solo minimamente cambiare la mentalità. Nel mio piccolo continuerò (e mi auguro continuerete) a porre sempre maggiore attenzione alla natura anche perché se me lo permettete, sono giovane e voglio o meglio pretendo un futuro migliore sia per me, sia per tutte quelle persone che mi circondano e mi circonderanno.

La mia dimostrazione d’amore nei loro confronti non può che iniziare dando loro un futuro degno di essere vissuto.

La perfezione in uno scatto

Il tramonto dell’umanità (foto di Francesco Guarnati)

Gianmaria Alberghini

Autore: Gianmaria Alberghini

Crespinese, studente, affascinato dalla storia e dall’arte.
Attivo nelle associazioni di promozione culturale e territoriale crespinesi.
Ho fatto del volontariato uno stile di vita!!!

L’ora di reagire!!! ultima modifica: 2019-03-15T16:30:48+02:00 da Gianmaria Alberghini

Commenti

To Top