I CRESPINESI RACCONTANO CRESPINO

itCrespino

SCUOLA

La scuola di Crespino – un record di successi

scuola di Crespino

La scuola è il luogo destinato all’educazione e all’istruzione degli studenti ma ha un ruolo ancora più importante, ovvero formare l’individuo alla vita reale. La scuola secondaria di Crespino, da anni è attenta alle esigenze dei ragazzi e si impegna per dare loro una base di partenza altamente valida per affrontare il futuro che si prospetta dinanzi. L’anno scolastico 2019-2020 è iniziato con una progettazione davvero interessante ed ambiziosa che purtroppo non è stata interamente completata a causa dell’emergenza sanitaria iniziata lo scorso febbraio. Nonostante le difficoltà incontrate, i professori e le famiglia hanno creato un’ottima atmosfera di accrescimento culturale e difatti le soddisfazioni non sono mancate.

Anno scolastico 2019-2020- il filo conduttore: i minerali

L’anno scolastico si è basato su un filo conduttore, ovvero i minerali con la loro trasformazione in gemme e il conseguente successo dell’oreficeria. Per realizzare questo progetto ambizioso, la scuola si è avvalsa di due esperti di settore ovvero la gemmologa Roberta Bolognesi e il gemmologo-geologo Giovanni Lombardi. La conoscenza dei minerali è proseguita, oltre che con laboratori formativi, anche con una visita d’istruzione presso il Museo del Gioiello di Venezia, il più importante a livello nazionale. Oltre alla valenza e alla classificazione dei minerali, i ragazzi hanno potuto apprendere l’importanza che questi hanno avuto ed hanno nelle diverse culture. Una continua analisi del passato per comprendere il presente! A completamento di questo progetto, in aprile, si doveva svolgere il viaggio d’istruzione a Firenze per visitare il Museo dell’Opificio delle pietre dure. A causa del Lockdawn non si è potuto completare il percorso formativo.

Progetto Legalità

Progetto Legalità

La scuola è il luogo in cui i ragazzi iniziano a sentirsi parte integrante di una società e incominciano a comprenderne i diritti ed i doveri oltre che tutti gli aspetti positivi e negativi che essa comporta. Ancora una volta la scuola di Crespino si è dimostrata attenta alle tematiche di attualità. Tra i progetti di maggiore importanza vi è quello della Legalità, coordinato dalla professoressa Letizia Piva. Questo progetto formativo ha permesso ai ragazzi di analizzare il tema della lotta contro le mafie. Gli studenti hanno studiato i personaggi che si sono battuti per la libertà della nazione, a volte anche a costo della loro vita. Hanno collaborato al progetto le associazioni Minimiteatri e Libera. Il percorso si doveva concludere con un grande concerto che a causa dell’emergenza sanitaria, non si è svolto.

Memorie di Ester – scuola di Crespino

Quest’anno la Giornata della Memoria è stata intensa di riflessioni, analisi e letture da parte dei ragazzi. Non sono mancati i momenti musicali grazie all’impegno dei professori Giorgio Libanoro e Paolo Lazzarini. A culminare questo progetto, i ragazzi hanno realizzato il filmato dal titolo “Memorie di Ester”.

Memorie di Ester

Questa storytelling è stata possibile grazie alla partecipazione degli studenti e alla grande collaborazione dei docenti Nadia Bobisse, Laura Fasolin, Paolo Lazzarini, Stefania Pollato, Lidia Rigotto ed Elena Sattin. Il filmato è stato dedicato alla senatrice Liliana Segre che ha voluto ringraziare i ragazzi e i professori per la grande attenzione alla tematica della Shoah. Il coraggio di raccontare la storia, come hanno fatto i ragazzi di Crespino ci permette di sensibilizzare le generazioni alla tolleranza e al rispetto. “Memorie di Ester” parla di questa ragazza ebrea che improvvisamente si trova esclusa dalla società, abbandonata, derisa e sola a causa delle leggi razziali. Il video è un monito a vigilare sui valori affermati dalla nostra Carta Costituzionale. Il filmato si è aggiudicato la Menzione Speciale “Paolo Gobbetti” al concorso Filmare la Storia 2020, annualmente indetto dall’Archivio Nazionale Cinematografico della Resistenza presieduto dal giornalista Bruno Gambarotta.

La didattica a distanza

Come intuito, quest’anno scolastico è stato molto intenso sia prima che durante l’emergenza sanitaria. Per far fronte allo stravolgimento delle modalità di erogazione del servizio formativo, per via della DAD, i docenti si sono impegnati affinché non si escludesse alcun studente. Infatti come afferma la docente Laura Fasolin:

il pensiero principale era quello di riuscire a raggiungere tutti gli studenti. Per arrivare allo scopo abbiamo utilizzato tutti gli strumenti e i materiali possibili per rendere accessibile a tutti una didattica, quella a distanza, che tende ad essere escludente“.

E’ importante ringraziare tutti i docenti del plesso di Crespino che si sono riadattati per creare momenti educativi altamente qualitativi e fruibili a tutti. Anche l’Amministrazione Comunale si complimenta con gli insegnanti della scuola di Crespino, che nel periodo difficile dell’emergenza Covid hanno valorizzato l’importanza dell’insegnamento e dell’istruzione. Questo, è stato un anno ricco di soddisfazioni. Nonostante le difficoltà, tanti sono stati i progetti extracurricolari tra cui l’incontro telematico con il videomaker Alberto Gambato e le lezioni musicali a distanza. Infatti i ragazzi hanno suonato l’Inno alla Gioia che è poi stato iscritto al concorso “Indicibili in(canti)”. Tutto questo non sarebbe stato possibile senza docenti altamente qualificati, senza l’associazione Agnese Baggio, da anni punto di riferimento della scuola, e senza la dirigente scolastica Ciocchetti Claudia che si è spesa per tutti in modo ammirevole.

La scuola di Crespino – un record di successi ultima modifica: 2020-06-19T09:07:00+02:00 da Gianmaria Alberghini
To Top